sfondo epasa sfondo-dx
spacer    

 

EPASA NEWS

DEBUTTA IL 730 PRECOMPILATO, MA NON ARRIVA A CASA

Il momento fatidico è arrivato. Debutta la dichiarazione dei redditi precompilata che consentirà a pensionati e dipendenti di ricevere direttamente dall’Agenzia delle Entrate il modello 730 già ‘completo’ dei propri dati reddituali. Nelle intenzioni del governo l’idea è quella di semplificare la vita ai cittadini e, come succede ad esempio in Francia, rendere semplice il pagamento delle tasse. Il passaggio da un sistema all’altro, tuttavia, non è così semplice e almeno per quest’anno il cambiamento potrebbe creare qualche problema.

Intanto il 730 precompilato non arriva a casa ma va ‘scaricato’ dal sito dell’Agenzia delle Entrate a partire dal 15 aprile.
Per scaricare il documento, però, non è sufficiente avere un computer e collegarsi al sito dell’Agenzia stessa ma serve un Pin, chiamato ‘Pin fisconline’.
La procedura per ottenerlo, tuttavia, non è così immediata. E’ necessario farne richiesta o sul sito dell’Agenzia delle entrate, o telefonicamente o presso le sue sedi territoriali. Quindi se ne riceverà una prima parte subito per poi aspettare il resto spedito a casa entro 15 giorni. Per chi possiede già un Pin Inps dispositivo (come i pensionati che lo usano per scaricare il cosiddetto CUD che da quest’anno si chiama CU, certificazione unica) è previsto un accesso all’Agenzia delle Entrare anche tramite il sito dell’Inps.
E allora il consiglio, per tutti, è quello di recarsi presso un Caf in grado di fornire assistenza qualificata. Nel modello precompilato, infatti, l’Agenzia delle Entrate ha utilizzato le informazioni disponibili dell’Anagrafe tributaria, banche e assicurazioni, l’Inps e datori di lavoro.
Insomma sulla dichiarazione precompilata ci saranno i propri redditi, gli sgravi per i mutui e poco altro come per esempio i rimborsi per le ristrutturazioni edilizie. Se si vogliono inserire le spese mediche o altri sgravi a cui si ha diritto bisogna modificare la dichiarazione stessa e solo dopo inviarla correttamente.
“In sostanza – spiega Roberto Vitale Direttore del Caf Cna – è bene farsi assistere da qualcuno che, come noi, è in grado di prestare assistenza fiscale al contribuente. Basterà fare una delega al Caf e noi ci occuperemo di tutto, prendendoci anche la responsabilità, come prevede la nuova legge, di eventuali errori”. e ci dovessero essere problemi sulla dichiarazione, infatti, eventuali richieste di pagamento non arriveranno a casa ma al Caf che risponderà interamente di imposte e sanzioni. “Soprattutto per i pensionati che hanno poca dimestichezza con il computer e le normative fiscali – conclude Vitale – il consiglio è di farsi aiutare e recarsi presso i nostri uffici del Caf Cna”.



10/04/2015

[indietro]

assistenza epasaspacerspacer



home | informazioni | servizi on line
copyright 2007 EPASA - all rights reserved - design by hcmgroup

 

cna, confederazione nazionale dell'artigianota e della piccola e media impresa